Gruppi statici elettronici


GRUPPI STATICI

Descrizione tecnica
Il quadro è costituito da una carpenteria metallica a leggio finemente verniciata; nella parte superiore sono ubicati gli interruttori di protezione e distribuzione e gli strumenti di controllo; lateralmente sui fianchi della carpenteria trovano posto le griglie di ventilazione, i morsetti di alimentazione e di uscita, le eventuali prese luce e i manici per il trasporto.

Le apparecchiature installate in questi quadri sono state tutte collaudate e declassate per consentire alla macchina dei sovraccarichi anche prolungati rispetto ai dati nominali riportati sulla targa identificativa del prodotto.

Alimentazione
Tutti i quadri di questa serie sono predisposti per essere alimentati con le tensioni normalmente presenti in tutto il mondo:
220, 240, 260, 380, 415, 440
a 50 o 60 Hz.

Regolazione velocità
La regolazione di tensione in uscita ( e pertanto della velocità delle vetture ) avviene tramite 5 contattori selezionabili in qualsiasi momento ed interbloccati fra di loro per evitare cortocircuiti sul trasformatore principale. Al momento della partenza si inserisce sempre la velocità più lenta e dopo qualche secondo subentra quella selezionata come velocità normale di lavoro; questo per ridurre al minimo sia i picchi di corrente dovuti all’avviamento di tutti i motori contemporaneamente, che gli sforzi meccanici di riduttore e frizione sul motore.

Scatto gettoni
Nei quadri dove è richiesto un funzionamento con gettoniere è installato un sistema di teleinversione funzionante in assenza di carico per evitare una usura precoce dei contatti, dovuta agli archi elettrici che si creano al momento della apertura dei contattori.

Automatico
È un accessorio che integra la dotazione di serie della macchina ( regolazione del tempo corsa ) con l’aggiunta di un tempo di pausa anch’esso regolabile.

Dotazioni
I quadri sono corredati di schemi elettrici, manuali di uso e manutenzione, certificato di collaudo, suoneria, cavi di collegamento per positivo e negativo, una serie completa di fusibili di scorta.

Distribuzione luce
È possibile inserire nel quadro un impianto di distribuzione luce con interruttore differenziale generale e protezioni bipolari sulle linee, uscite con prese CEE poste sul fianco del quadro.